Nuovo sito per Casa della poesia. Cosa ne pensate? Inviateci un feedback
04/04/2011

bong da fun88_kèo bóng đá trực tuyến_tien thuong mien phi 2019

Ira Cohen
poeti-2fcohen-ira-2f154886-1792451049852-1196930751-32048228-2054148-n
Poeta, fotografo, regista, viaggiatore, Ira Cohen, nato il 3 febbraio 1935 da genitori sordi, cominciò a sviluppare la sua visione all'età di un anno imparando a parlare con le dita.
Nel 1961 si imbarcò su un cargo yugoslavo per Tangeri dove visse per 4 anni e pubblicò Gnaoua, una rivista dedicata all'esorcismo introducendo le opere di Brion Gysin, William Burroughs, Harold Norse e altri membri della interzone mob.
Produsse anche Jilala, una mitica registrazione di musica in trance di una setta di dervisci, registrata da David Bowles.
Verso la fine degli anni '60, nel suo loft nel Lower East Side, Cohen creò le "mylar images", icone future svilluppate da un "mitofotografo". Fra gli artisti riflessi nel suo specchio: John McLaughlin, William Burroughs e Jimi Hendrix che disse che guardare quelle foto era come guardare attraverso le ali delle farfalle.
Timothy Baum, noto esperto di Man Ray, Marcel Duchamp, disse che quelle immagini erano gioielli e avrebbero dovuto essere esposte da Tiffany. Con questo esercizio sciamanico e tantrico Cohen ha esplorato l'intero spettro della fotografia dagli infrarossi alla luce nera.
Ha inoltre diretto il film "fantasmagorico" Invasion of Thunderbolt Pagoda e prodotto Paradise Now, un film dello storico tour americano del Living Theatre nel 1968.
Nel 1970 andò sull'Himalaya e diede inizio alla serie di starstream poetry a Kathmandu, pubblicando le opere di Paul Bowles, Charles Henri Ford, Gregory Corso and Angus Maclise e sviluppando la sua arte nella pubblicazione di libri lavorando con artigiani del luogo.
Nel 1972 trascorse un anno a San Francisco leggendo e facendo performances a poi tornò a New York per montare le esposizioni fotografiche.
Negli anni '80 Ira fece viaggi molto speciali ed importanti in Etiopia, Giappone e poi di nuovo in India dove documentò in un video il grande festival di Kumbh mela che è il più grande raduno spirituale del pianeta.
Verso la fine degli anni '80 pubblicò On Feet of Gold, una raccolta di poesie. Contribuì inoltre alla pubblicazione della rivista Third Rail, sulle arti e letterature internazionali con sede a Los Angeles.
All'inizio degli anni'90 Ira vede la pubblicazione delle sue nuove poesie in Inghilterra da Temple Press con il titolo di Ratio 3: media shamans, insieme a due buoni amici poeti Gerard Malanga (Factory) e Angus Maclise.
Fra le altre ha realizzato l'esposizione
Retrospectacle alla October Gallery in Londra e insieme a William Burroughs , Terry Wilson e Hakim Bey ha preso parte all Brion Gysin's Here To Go Show a Dublino.
Semiotext(e) (New York)ha realizzato una speciale antologia curata da Cohen intitolata Akashic record. Cohen ha fatto performances con molti musicisti che riflettono i suoi gusti eclettici: Chris Stein, Lucia Hwong, Hassan Hakmoun, un musicista gnaoua.
Nel 1994 Sub Rosa records ha pubblicato il suo primo CD The Majoon Traveller, con il noto dj di San Francisco Cheb i Sabbah, che ha mixato le sue letture con musica rituale (Joujouka, Jilala ...) che comprende le opere di Don Cherry e Ornette Coleman. Più recentemente ha dato vita alla Akashic Foundation con la collaborazione di Judith Malina e Gerard Malanga per promuovere e proteggere i lavori di scrittori, registi e artisti interdisciplinari insoliti/occulti/alternativi.
Dopo una lunga malattia si è spento a New York il 25 aprile 2011.
Nel 2000 ha partecipato a "Parole di mare" ad Amalfi.