Nuovo sito per Casa della poesia. Cosa ne pensate? Inviateci un feedback
04/04/2011

sòng bạc ma cao_Cá cược miễn phí 2019_hình thức đánh bạc qua mạng

Louis-Philippe Dalembert
louis-philippe-dalembert-1
Louis-Philippe Dalembert nasce l’8 dicembre 1962 a Port-au-Prince, Haiti. Grande viaggiatore, i suoi recapiti si susseguono e non sono mai gli stessi. Uomo-tartaruga, come si definisce lui stesso, Dalembert trascina il suo sogno di ritorno al paese natio dall’Europa all’Africa del Nord, dal Medio Oriente all’Africa Nera, passando per le Americhe el Nord e del Sud, e per gli altri paesi dei Caraibi.
Per otto anni (1986-94) fissa la sua base a Parigi dove realizza gli studi universitari mentre svolge ogni genere di lavori prima di approdare al giornalismo, professione che già esercitava ad Haiti nei difficili anni che precedettero la caduta di Duvalier (Baby Doc). Come tanti altri giornalisti dell’epoca fu oggetto di minacce – dormiva fuori casa una notte su due – finché la radio dove lavorava fu chiusa e lui decise di partire e tentare sorte all’ estero.
Durante questi avvenimenti, e ancor più negli anni dell’erranza, lo sorregge l’attività di scrittore, in particolare la poesia. Grazie ad essa, soggiorna una prima volta a Roma nel 1994-95 ospite della prestigiosa Villa Medici. Dopo una decina d’anni trascorsi all’estero, finalmente il ritorno tanto desiderato. Ma, tra disinganno e delusione, il ritorno al paese natio non dura più di un anno. Un viaggio di vari mesi sulle Ande lo aiuta ad allontanarsi dalla politica. Fruitore di una borsa di residenza UNESCO-Aschberg, soggiorna a lungo a Gerusalemme, da dove visita per la seconda volta la Palestina, l’Egitto e la Giordania, regione che influisce notevolmente sulla sua poesia.
Louis-Philippe Dalembert, è diplomato alla Scuola Normale Superiore di Port-au-Prince, diplomato alla Scuola Superiore di Giornalismo di Parigi ed è autore di una tesi di dottorato in letteratura comparata sullo scrittore cubano Alejo Carpentier (Université Paris III-Sorbonne Nouvelle). Alla Dall’ottobre 1997 Louis-Phlippe Dalembert è stato Vicesegretario Culturale dell’Istituto Italo-Latino-americano di Roma.
Ora vive a Parigi.

Nel 2008 gli viene assegnato il prestigioso premio di Casa de las Americas a Cuba (49a edizione) nella categoria Letteratura caraibici in lingua francese o creola per il suo romanzo "Les dieux voyagent la nuit".
Ecco in breve la motivazione:
“Por tratarse de un libro novedoso en su estructura que funde presente y pasado a través de una memoria que transita por espacios diversos. Con un lenguaje intenso e imaginativo se narra una historia personal marcada por conflictos íntimos insertos en la realidad haitiana”.

Le sue prime poesie sono state raccolte nel volume “Evangile pour les miens”, Port-au-Prince, 1982. Ha pubblicato in riviste di molti paesi europei ed americani. Dal 1990 pubblica anche racconti, uno dei quali, "Caraiblues", ha vinto nel 1991 il concorso di Radio France Internationale ed è stato più volte mandato in onda. “La matita del buon Dio non ha la gomma” (Edizioni Lavoro, 1997 Roma) è il suo primo romanzo.
Ha preso parte alle manifestazioni: Poesia contro la guerra (1998), Napolipoesia. Incontri internazionali di poesia (1999 e 2002), Lo spirito dei luoghi (3a e 4a edizione (1999 e 2000), Parole di mare. Incontri internazionali di poesia (Amalfi, 2000), Il cammino delle comete (Pistoia 2001), Incontri internazionali di Sarajevo (2002), Napolipoesia nel parco (2009).